Solutore

IperSpace Max

Space Solver: solutore evoluto a matrici sparse

Space Solver, frutto di uno studio che ha coinvolto docenti universitari di riconosciuta fama, ingegneri di chiara esperienza e programmatori di massimo livello, ha comportato un percorso di sviluppo durato alcuni anni.

Il risultato ottenuto, comprovato da innumerevoli test e comparazioni, ne fanno un sicuro punto di riferimento per il calcolo strutturale agli elementi finiti. Tutt'ora il suo sviluppo non è terminato ma al contrario è interessato costantemente da ottimizzazioni ed estensioni che ne fanno un prodotto unico ed innovativo.

Nel seguito si metterranno in evidenza le approssimazioni con cui la stragrande maggioranza dei solutori diffusi in commercio risolvono problemi elementari introducendo inesattezze, in certi casi, grossolane che potrebbero inficiare, addirittura, la validità del calcolo.

 

Processore di calcolo

Analisi strutturale

Dopo che il progettista ha fornito la tipologia strutturale a mezzo del modellatore grafico, è possibile combinare le condizioni di carico elementari a mezzo di coefficienti moltiplicatori o di peso ed eseguire il calcolo della struttura in assenza di sisma o in presenza di sisma con l'analisi statica o modale, determinandone lo stato di deformazione, sollecitazione e tensione.

Le azioni sismiche vengono definite dagli spettri per i vari stati limiti SLU-SLD.

Il calcolo viene eseguito da un solutore proprietario Space Solver appositamente sviluppato da Soft.Lab con la collaborazione di una primaria Università italiana.

 

Analisi cinematica

Space Solver può eseguire a monte del calcolo un'analisi cinematica della struttura mettendo in evidenza eventuali cinematismi.

 

Elementi finiti

 IperSpace utilizza l'elemento Beam/Truss per schematizzare travi e pilastri. Nella definizione della matrice di rigidezza, può tenere conto della deformabilità a taglio dell'asta a scelta del progettista.

L'elemento Beam ha in generale tutti i 6 gradi di libertà ai nodi. L'elemento supporta carichi inerziali nelle 3 direzioni e forze d'incastro perfetto per introdurre gli effetti taglianti e flettenti di carichi distribuiti sull'elemento. In uscita vengono stampate le sollecitazioni assiali, taglianti, flettenti e torcenti in entrambe le estremità. L'elemento è prismatico a sezione generica e viene concentrato sul suo asse. E' possibile considerare dei conci rigidi nei nodi per disassare sia gli elementi beam che gli shell.

L'interazione suolo-struttura è realizzata mediante travi di fondazione, reticoli di travi di fondazione, platee poggianti su terreno alla Winkler e plinti diretti o su pali, con possibilità di schematizzare anche travi e platee su pali.

I muri, le piastre, le platee e le pareti di taglio, sono schematizzabili con elementi Thin plate-shell

molto evoluto realizzato su solide basi teoriche (Ibrahimbegovic-Taylor-Wilson).

L'elemento Plate-shell è un quadrilatero di geometria arbitraria formato internamente da quattro triangoli compatibili. Il Plate-shell è molto usato per risolvere i gusci spaziali e le piastre inflesse. Il Plate-shel è molto evoluto in quanto presenta le seguenti particolarità:

  1. Disassamento rispetto ai nodi.
  2. Rigidezza torsionale effettiva (funzione dello spessore e del modulo G) "Drilling"
  3. Comportamento membranale molto corretto anche con piccola discretizzazione.
  4. Materiale isotropo e/o ortotropo.

L'elemento Boundary può essere collocato fra due nodi della struttura o fra un nodo della struttura ed un nodo esterno ad essa e completamente incastrato.Viene utilizzato nei seguenti casi:

  • Idealizzazione di un supporto elastico esterno traslazionale e rotazionale, in un nodo della struttura.
  • Idealizzazione di un supporto a carrello anche inclinato.
  • Specificazione di uno spostamento impresso alla struttura.

L'elemento ha 6 gradi di libertà per nodo.

E' un elemento monodimensionale con rigidezza assiale o torsionale a scelta dell'utente.

Giocando con queste rigidezze, è agevole imporre condizioni di vincolo. In uscita si hanno direttamente le sollecitazioni sui boundary che diventano così gli strumenti per esplicitare le reazioni in nodi di elementi in cui le sollecitazioni non sono previste come uscita del programma.

I coefficienti di rigidezza dell'elemento boundary, diversamente dagli altri, vengono addizionati direttamente alla matrice di rigidezza globale e pertanto non costituiscono alcun appesantimento particolare per il programma.

L'elemento Wink (Beam su suolo alla Winkler) presenta una rigidezza flessionale intorno all'asse locale y, una rigidezza tagliante secondo l'asse locale z ed una rigidezza torsionale intorno all'asse dell'elemento (x locale). L'elemento è vincolato al suolo mediante un vincolo elastico continuo a comportamento superficiale. Il vincolo elastico simula il comportamento del modello del suolo secondo Winkler. Questo elemento deve essere necessariamente orizzontale. Essendo la rigidezza assiale dell'elemento nulla, così come la rigidezza flessionale intorno all'asse z locale o Z globale (infatti sia l'asse z locale che quello globale hanno la stessa retta di azione verticale), i nodi a cui sono collegati devono essere vincolati alle due traslazioni orizzontali X ed Y e alla rotazione intorno all'asse Z, altrimenti la matrice di rigidezza dell'elemento risulta non definita positiva.

Dall'abbassamento z dei vari punti dell'elemento si può risalire alla pressione sul terreno p data da : p = k * z , dove k è la costante di sottofondo.

L'elemento Read-in-Matrix permette di aggiungere direttamente dall'esterno alla matrice di rigidezza del sistema, matrici di rigidezza di particolari membrature della struttura.

Queste matrici di rigidezza, non sono direttamente accessibili dall'utente e vengono usate nel programma per sostituire i plinti diretti o su pali direttamente nel sistema.

 

Caratteristiche geometriche e meccaniche

Il programma calcola direttamente le caratteristiche inerziali per le seguenti forme di sezioni di uso corrente:

  • Rettangolare
  • a T
  • a T Rovescia
  • ad L
  • Circolare

Viene fornito un profilatario (personalizzabile dall'utente) contenente i profilati metallici di uso più comune (IPE, HEA, HEB, UPN, tubi quadrati, circolari e rettangolari, ecc.).

Le sezioni non direttamente contemplate sono definibili dall'utente assegnando: area, momenti d'inerzia e fattori di taglio, oppure definire il contorno della sezione e determinare con una particolare utility SPC (Section Property Calculator) del programma le caratteristiche inerziali della stessa, tra cui fattori di taglio ed inerzia torsionale.

E' possibile associare agli elementi, differenti materiali consentendo di analizzare anche strutture miste Acciaio, Calcestruzzo, Legno, ecc.

Il programma è in grado di eseguire differenti tipi di calcoli statici e dinamici:

  • Analisi generale con 6 gradi di libertà per nodo.
  • Analisi statica.
  • Analisi modale per sovrapposizione modale con spettro di risposta in accordo con la Normativa Italiana e qualunque altra normativa di cui si conosce lo spettro di risposta sotto l'ipotesi di solaio infinitamente rigido o con solaio deformabile e quindi con le masse concentrate nei nodi.

Nel caso di calcolo modale l'utente può definire: il numero dei modi, il coefficiente di smorzamento e il tipo di combinazione dei modi, il metodo di combinazione SRSS (Square Root of Sum of Squares) o il metodo CQC (Complete Quadratic Combination) o Metodo della Combinazione Quadratica Completa, la cui formula di combinazione è una formula quadratica completa che include tutti i termini di risposta modale combinati attraverso opportuni coefficienti in funzione delle frequenze del sisma, delle frequenze modali e del fattore di smorzamento della struttura.

E' da notare che i due metodi CQC e SRSS danno risultati praticamente coincidenti quando le frequenze modali sono abbastanza diverse tra di loro, pertanto è sempre conveniente l'uso del metodo CQC, visto che in termini percentuali il calcolo viene aggravato di poco.

Sono anche considerate:

  • Analisi masse partecipanti per determinare a priori il numero di modi da prendere in considerazione nel calcolo
  • Analisi cinematica per determinare eventuali cinematismi della struttura
  • Analisi P-Δ (p-delta) entro 2008
  • Analisi buckling
  • Analisi PushOver (attraverso un applicativo specifico che effettua un'analisi a fibre)

 

Normative

Il calcolo della struttura può essere eseguito secondo 3 normative:

  • DM 96 (TA e SL )
  • OPCM 3431 ( SL)
  • Norme Tecniche delle costruzioni (DM 14/01/2008) ( SL)

Con il DM 96 sia alle TA (tensioni ammissibili) che agli SL (stati limiti) la struttura viene calcolata:

  1. una volta per carichi verticali con un modello ad impalcati rigidi, se ci sono, e rigidezza assiale dei pilastri amplificata.
  2. una seconda volta per azioni sismiche con un modello ad impalcati rigidi, se ci sono, e rigidezza assiale dei pilastri Non amplificata.
  3. Una terza volta se ci sono carichi termici nodali con un modello ad impalcati Deformabili se ci sono e rigidezza assiale dei pilastri Non amplificata.

I risultati vengono combinati ed archiviati per verifiche successive.
Il calcolo archiviato consente sia la verifica degli spostamenti che quella delle membrature.

Per la OPCM 3431 va effettuato un unico calcolo sia per la verifica SLD che SLU.

Per le NTC vanno effettuali due calcoli separati: uno per la verifica SLD e l'altro per la verifica SLU.

Ogni calcolo SLU è essenzialmente costituito dai seguenti sotto calcoli:

  1. uno per carichi verticali.
  2. quattro per carichi simici con lo spostamento delle masse.
  3. uno per carichi termici.

CookiesAccept

Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

 

A COSA SERVONO?

I cookies non sono dannosi per il tuo device. Nei cookies che generiamo, non conserviamo informazioni identificative personali ma usiamo informazioni criptate raccolte dagli stessi per migliorare la tua permanenza sul sito. Per esempio, sono utili per identificare e risolvere errori oppure per determinare prodotti correlati rilevanti, da mostrare al visitatore durante la navigazione.

Vi forniamo queste informazioni in quanto parte integrante della nostra iniziativa finalizzata al rispetto della legislazione recente, e per assicurare la nostra onestà e trasparenza in merito alla tua privacy quando ti servi del nostro sito internet.

 

QUALI USA SOFT.LAB?

Cookies tecnici (strettamente necessari)

Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookies analitici

Raccolgono informazioni su come un visitatore usa il sito, quali ad esempio le pagine visitate. Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l’utente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookies sono aggregate in forma anonima e sono utilizzate solo per migliorare la funzionalità del sito.

Cookies funzionali

Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Ricordati che se disattivi i cookies, potresti disabilitare alcune funzionalità del sito.