L’imminente pubblicazione delle NTC 2018 in Gazzetta Ufficiale porterà con se tutta una serie di novità importanti nell’ambito della progettazione e verifica degli elementi e delle strutture in acciaio. Tutte le novità e gli adeguamenti che questa norma introduce sono state fatte in coerenza con le le NTC 2008 e con l’Eurocodice 3, l’Eurocodice 4 e l’Eurocodice 8.

Nel Capitolo 4 al paragrafo Costruzioni in acciaio le novità fondamentali riguardano:

  • una nuova nomenclatura per quanto riguarda la classificazione delle sezioni in acciaio (classe 1 e 2 compatte, 3 moderatamente snelle e 4 snelle calcolate sempre in funzione della capacità rotazionale C_\Theta );
  • modifica della verifica a fatica e precisazioni sulla verifica a vita illimitata e a danneggiamento.

Nel Capitolo 7 invece le principali novità sono:

  • ridefinizione dei coefficienti di sovraresistenza dell’acciaio calcolato come f_{y,m} / f_{yk} pari a 1,25 per S235, S275 e S355 mentre 1,15 per S420 e S460;
  • nuova definizione delle tipologie strutturali in acciaio in merito a strutture a mensola o a pendolo inverso;
  • distinzione tra comportamento strutturale non dissipativo e comportamento strutturale dissipativo; per il primo modello si ha un fattore q ≤ 1,5 consentendo una semplificazione importante in fase di progettazione ai progettisti; per il secondo modello vengono introdotte le Verifiche di duttilità (Par. 7.5.3.2). Come si può leggere nel paragrafo 7.5.3.2 vengono definiti i parametri per la definizione della domanda di duttilità locale (rapporto tra il valore di deformazione \Theta_u valutato in analisi non lineare e il valore di deformazione \Theta_y al limite elastico) e per la capacità in duttilità locale (valutata come rapporto della deformazione al collasso \Theta_u in corrispondenza del 15% della massima resistenza dell’elemento e la deformazione \Theta_y corrispondente al raggiungimento della prima plasticizzazione). Per le strutture a telaio in cui si prevedono la formazione di zone dissipative lo sforzo normale al piede del pilastro non deve superare il 30% della sua capacità tale che N_{ED} / N_{plRD} ≤ 0,3.

Queste novità importanti evidenziano come le NTC 2018 abbiano dato molta attenzione all’azione sismica attraverso l’introduzione di parametri volti a modellare meglio quella che è la realtà del costruito in linea a quanto già presente negli Eurocodici.

Si ricorda che IperSpace BIM è già compatibile con la bozza delle NTC 2018 e sarà tempestivamente aggiornato non appena vi sarà la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto. IperSpace BIM è il software di calcolo strutturale BIM oriented di Soft.Lab per il calcolo di strutture in cemento armato, acciaio, legno e miste.

Visita www.soft.lab.it/bim per saperne di più oppure contattaci allo 0824.874.392

Consulenza continua


Hai bisogno di aiuto o informazioni?
Contatta il nostro team di assistenza
clienti.

Contattaci

Personal Edition

Vuoi provare gratuitamente i nostri software?

Scarica le versioni per uso non professionale:

  IperSpace Max 9

  Monolith 2

 



   Acquisti telefonici: 0824 87 43 92