Scheda tecnica
Descrizione
Ubicazione
Anno di realizzazione
Progettazione
Progettista strutturale
Committente
Dati dimensionali
Normativa di riferimento
Realizzazione aule catechistiche e salone parrocchiale
Solopaca, Benevento, Italia
2014
Ing. Carmine Cacchillo
Ing. Carmine Cacchillo
Diocesi di Cerreto Sannita, Telese, Sant’Agata dei Goti
A=360,8 mq H=7-9 m
D.M. 14/01/2008 (NTC 2008)

 

Descrizione dell’opera

La realizzazione delle aule catechistiche e del salone della Parrocchia “S. Martino Vescovo e S.Mauro Martire” oggetto della descrizione è ubicata a Solopaca (prov. di Benevento) alla Via Pozzocampo. Il fabbricato, che in pianta ha una forma inscrittibile in un rettangolo di dimensioni 18.50 m x 19.50 m, ha altezza totale strutturale variabile tra 7.00 m e 9.00 m dovuta alla copertura che ha un andamento non regolare. In fase di realizzazione, dato che dalle indagini geologiche risulta che il terreno abbia caratteristiche scadenti fino alla profondità di circa 2 m., si procede alla completa rimozione di questo strato di terreno e alla posa in opera di uno strato di materiale di bonifica, costituito da misto cementato, dello spessore di circa 1.00 m, la cui area di impronta si estende per 2 m oltre la linea di inviluppo dell’area di ingombro delle fondazioni.

Descrizione tecnica

La modellazione strutturale del complesso è stata effettuata con il software di calcolo strutturale agli elementi finiti IperSpace. Le opere di fondazione sono realizzate con un reticolo di travi rovesce in c.a.. e le strutture in elevazione con un insieme di telai piani in c.a.. Nel dettaglio, I solai sono del tipo latero-cementizio con travetti c.a.p., laterizi di alleggerimento H=20 cm e soletta di completamento in calcestruzzo dello spessore di 5 cm, con spessore totale pari a 25 cm. La copertura è realizzata con struttura in legno lamellare. La struttura non affaccia direttamente su spazi pubblici ed è isolata rispetto ad altri fabbricati a meno di una scalinata in legno di collegamento con le aule catechistiche che risulta su di essa appoggiata e presenta un idoneo giunto di scorrimento così come riportato nel calcolo della struttura di collegamento. I carichi massimi indotti dalla scalinata sono stati considerati con apposita condizione di carico denominata carichi esterni.

Si noti che le verifiche allo SLU, sono relative alle condizioni più gravose per il singolo elemento considerato e che non sempre è possibile avere un riscontro diretto tra il valore di verifica e quello massimo di inviluppo della singola sollecitazione riportato nei diagrammi, per diversi motivi, tra i quali si riportano i seguenti:

  1. le verifiche di ogni elemento strutturale sono condotte per tutte le combinazioni di carico, per le varie posizioni delle masse sugli impalcati e per l’azione combinata di quelle tra esse che danno la condizione più sfavorevole; non è dunque scontato che la combinazione più penalizzante sia quella cui corrisponde il valore massimo di inviluppo di una sola sollecitazione;
  2. i valori delle sollecitazioni considerati nelle verifiche sono quelli a filo concio rigido e non quelle relative alla luce teorica riportata nei diagrammi di inviluppo;
  3. per le verifiche a taglio, quando richiesto, si considera il taglio dovuto ai soli carichi verticali sommato a quello dovuto al momento resistente ultimo dell’elemento.

Galleria

 

Consulenza continua


Hai bisogno di aiuto o informazioni?
Contatta il nostro team di assistenza
clienti.

Personal Edition

Vuoi provare gratuitamente i nostri software?

Scarica le versioni per uso non professionale:

IperSpace BIM

Monolith 2



   Acquisti telefonici: 0824 87 43 92