Effetti del secondo ordine: l’analisi P-∆